Il primo portale gratuito italiano dedicato alla tua prosperità personale

SE SEI INTERESSATO, AGISCI ORA!
Per garantire la qualità della lista, l'iscrizione gratuita alla newsletter sarà disponibile solo per un periodo limitato di tempo!

Iscriviti GRATIS a Prosperipedia!

Accetta le norme sulle privacy ai sensi del D.Lgs. 196/2003.

Onde di Elliott: come fare trading sfruttando le onde di Elliott

Onde di ElliottChe cosa sono le Onde di Elliott? Prosperipedia ti svela cosa sono le onde di Elliott e come vengono utilizzate nell'attività di Trading. Per onde di Elliott s'intendono delle vere e proprie onde di prezzo (simili alle onde che si verificano in natura, ad esempio nel mare) conoscendo le quali è possibile stimare ed in alcuni casi predire l'andamento dello strumento finanziario osservato.

Così come già avvenuto per i grandi pensatori e matematici del passato, anche Elliott trova ispirazione nella natura delle cose che lo circondano, per costruire una delle teorie dell'analisi tecnica degli strumenti finanziari più apprezzata e interessante tanto dagli studiosi quanto dai trader operativi.

Secondo Elliott ogni strumento finanziario si muove nella fascia dei prezzi seguendo un andamento composto da 5 onde di movimento, indicate solitamente all'interno dei grafici finanziari con i semplici numeri 1, 2, 3, 4 e 5. Ogni onda si distingue inoltre per essere formata da tre onde minori, chiamate rispettivamente a, b e c. In questo modo, possiamo affermare che secondo Elliott ogni trend di prezzo viene definito attraverso 8 diverse onde, cinque delle quali sono d'inpulso e tre delle quali sono di frenata o correzione.

Il lato più difficile nell'applicare la teoria di Elliott riguarda la corretta identificazione dell'onda iniziale. Qualora il movimento venga interpretato male nella sua partenza, i risultati saranno deludenti in ogni onda successiva. I migliori trader operativi associano la teoria delle onde di Elliott ad altri modelli di analisi sia tecnica che fondamentale, per poter così minimizzare i possibili errori e per rendere maggiormente stabili le proprie strategie operative.